Associazione DLAB

DLAB
Progetto per compagnie e coreografi emergenti

Il progetto “Area Dance hi-tech LAB” (DLAB) nasce dall’esigenza di riunire sotto lo stesso tetto creativo realta’ coreografiche italiane giovani ed innovative.
Lo spazio del Area Dance vuole ospitare al suo interno coreografi diversi e i loro danzatori professionisti dando la possibilita’ di creare e sperimentare lavori all’avanguardia e di tendenza.

Con il DLAB si vuole creare un’officina di artisti, che produca spettacoli, seminari, laboratori di ricerca, e lezioni aperti a danzatori professionisti e a chi vuole diventarlo.
Viene offerta l’opportunita’ di crescere insieme ad un luogo e ad un gruppo di persone competenti. Unendo sinergie e qualita’ di ognuno viene data la possibilita’ di migliorare e confrontarsi con il proprio lavoro.


COREOGRAFI RESIDENTI

Sono stati selezionati i seguenti coreografi, che avranno la possibilita’ di lavorare e produrre i loro lavori all’interno della struttura.

Giuseppe Galizia talentuosi coreografi che hanno costituito la prima compagnia di tip tap esistente in Italia.

Anna Rita Larghi, gia’ affermata insegnante e coreografa che ha deciso di rompere gli schemi e sfidare le istituzioni con il suo gruppo di danzatori affiatati.


LEZIONI E LABORATORI

1. Workshop/stage con coreografi residenti

Ognuno dei coreografi residenti al Area Dance è inoltre un insegnate affermato e rinomato nel suo campo. Questo permette alla struttura di programmare lezioni e workshop aperti al pubblico, permettendo a chi è interessato a partecipare ad apprendere tecniche e idee sempre nuove e diverse.

2. Lezione di classico con insegnanti a rotazione

L’interesse del dlab è quello di fornire ai danzatori residenti una lezione di tecnica Classica giornaliera. La lezione potra’ inoltre essere seguita da allievi esterni interessati al lavoro progressivo di compagnia.

3. Stage con maestri di fama internazionale

Il dlab avra’ la possibilita’ di organizzare stage con insegnanti provenienti dall’estero e di arricchire cosi’ il bagaglio artistico di chi prendera’ parte all’iniziativa.

AREA DANCE e "Hi-tech Dance Show"

Primo appuntamento che Area Dance vuole realizzare in una serata fatta di assoli o gruppi di danza
che hanno come comun denominatore l'uso avanzato di tecnologia audio/video/sequencer
per la realizzazione della coreografia.


AREA DANCE hi tech - LAB ED UN CORSO DI SPECIALIZZAZIONE

All’ interno del DLAB si puo’ pensare anche ai piu’ giovani. Scopo del corso quello di aprire le menti dei giovani danzatori a tipologie di lavoro diverse, scoprendo attitudini personali alle quali non avevano forse mai pensato. E’ un piccolo assaggio di quella che poi diventera’ la loro professione.
La struttura propone un corso che comprenda lezioni di classico (tri-settimanali), come formazione base che permetta agli allievi di accedere ai diversi laboratori seguendo le proprie aspirazioni.

I laboratori saranno organizzati dai coreografi residenti col fine di preparare uno spettacolo o semplicemente di studio del movimento.
I coreografi residenti avranno cosi’ l’opportunita’ di “studiare” giovani elementi da eventualmente inserire nei loro progetti.

La durata del corso è ciclica, per un periodo di due o tre mesi.

* Se ritenuto valido dagli organizzatori della Notte della Danza, il lavoro fatto potra’ essere presentato durante l’evento.


VANTAGGI AREA DANCE hi tech - LAB

Il DLAB da l’opportunita’ di veder crescere una realta’ artistica italiana, che non avrebbe modo di esistere altrimenti.
Quello che manca oggi è lo spazio per i nuovi coreografi per provare e la possibilita’ di far vedere il lavoro svolto.
Il DLAB vuole essere una soluzione alle code per ottenere sovvenzioni e mirare ad avere un piccolo spazio in un teatro; vuole diventare una fucina di creativita’.

Il DLAB vuole creare una piccola compagnia che permetta agli artisti residenti di produrre sperimentazioni e spettacoli in sede.

Verra’ allestito periodicamente (quattro volte all'anno) uno spazio performance dove verranno proposti i lavori prodotti all’interno del LAB.
Il DLAB vuole diventare una fucina di creativita’, che lavora sperimentando la fusione con altra forme d’arte, diverse ma complementari.

Per una realta’ artistica Milanese quasi inesistente, potrebbe essere una possibile soluzione e portare una ventata di respiro e di ottimismo.

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information